I numeri del vino (ed. 2020)

Degustazione

L’agenzia inglese Wine Intelligence ha redatto un nuovo report sul vino italiano (Italy Wine Landscapes 2020). Senza soffermarci troppo sui dettagli, ecco un po’ di numeri che ci possono aiutare a capire meglio come funzioni questo importante comparto e quali sono le sue prospettive per il futuro. Se non siete dei tecnici, si tratta comunque di dati simpatici che potrete sempre rivendervi con gli amici in occasione di qualche bella cenetta 😉

I numeri del vino

  • 34milioni di italiani (su 50milioni di adulti) bevono vino.
  • E circa 28milioni di loro confessano di berne con una certa regolarità (buon per loro!!), quasi ogni giorno.
  • 43 sono i litri pro-capite per i soli vini fermi,
  • Consumatori divisi equamente tra uomini e donne, con una predominanza (circa il 42%) di over 55 anni e comunque un buon 32% nella fascia tra i 18 ed 44 anni.
  • Il 55% non si accontenta del solito vino ma dichiara di sperimentare spesso e volentieri vini diversi. La tendenza, come è normale che sia, è più alta tra gli under 34 (69%)
  • 6 su 10 sono convinti che concedersi un calice faccia bene alla salute.
  • Il 41% si sente competente in materia (beati loro ;-)) mentre il 24% dice di non capirne molto (per loro c’è sempre modo di rifarsi, magari con un corso online).

Ma cosa si beve in Italia?

  • 89% vino rosso
  • 88% vino bianco
  • 85% Birra
  • 54% Spritz
  • 51% Spumanti dolci come l’Asti (alla faccia di chi dice e pensa che siano dei vinelli di poco valore)
  • 47% Birra artigianale
  • 46% Bollicine italiane
  • 45% Altri vini spumanti

Tra i vitigni bianchi:

  • Chardonnay
  • Pinot Bianco
  • Pinot Grigio
  • Moscato
  • Falanghina
  • Verdicchio

Tra i rossi, invece:

Siete curiosi di conoscere quali siamo le aziende italiane più conosciute? Fate clic qui sotto e girate pagina!