Come si produce lo spumante: due metodi a confronto

Spumante

Il nome spumante deriva dalla spuma che esce dalla bottiglia quando viene stappato. E’ provocata dall’anidride carbonica contenuta all’interno della bottiglia. Proprio come una bibila gassata o una birra. E per produrre questo particolare tipo di vino si possono usare due diversi metodi. Lo sapevate?

Come nasce lo spumante?

  • Lo spumante parte da una base di buon vino bianco, fatto con uve selezionate derivanti da vitigni spesso specialisti. Uno per tutti, il Moscato d’Asti. Si può produrre comunque anche con uve nere.
  • La raccolta delle uve è lievemente anticipata. Nel senso che le uve non devono essere vendemmiate quando sono mature, ma con qualche giorno di anticipo. In questo modo hanno una aciditĂ  piĂą alta.
  • Per il resto, il procedimento di base (pigiatura, macerazione, svinatura…) è molto simile a quello dei vini tradizionali.
  • Decisamente diversa è invece la seconda, e determinante, fase di lavorazione che vene chiamata spumantizzazione.

Lavorazioni diverse

In questo caso si può operare in due modi:

  1. Con il metodo Classico, detto anche spumantizzazione in bottiglia
  2. Con il metodo Charmat

Le differenze non sono esclusivamente stilistiche. In realtĂ  si tratta di una differenza sostanziale. Lo spumante prodotto con il metodo Classico, infatti, ha solitamente caratteristiche ben diverse da quello prodotto con il metodo Charmat. I metodo Classico piĂą conosciuti sono senza dubbio gli Champagne francesi. Mentre in Italia il metodo Classico viene usato per produrre i famosi Franciacorta.

Il metodo Charmat è invece alla base del successo del Prosecco. In genere i vini prodotti con questo sistema sono piĂą freschi e piacevoli. Sono vini che, in genere, vengono prodotti per essere bevuti dopo pochi mesi. Un consiglio: se in cantina troviamo una bottiglia di Prosecco dimenticata da anni… Non pensiamo di usarla per festeggiare il battesimo della nostra prima figlia o per bagnare il nostro banchetto nuziale. Rischieremmo di fare una pessima figura!

Lascia un commento